Bando del Premio 2017

martedì 14 settembre 2010

Cantini Massimo


Massimo Cantini vive e lavora a Pontassieve. Si è diplomato all'Istituto d'arte di Firenze (sezione architettura). Risale al 1971 la sua prima esposizione, da allora ha allestito numerose personali e collettive in Italia e all'estero: un lunghissimo elenco che da allora arriva fino ad oggi.
Nel suo cammino d'artista ha dedicato saltuariamente una parte della sua attività al design e all'insegnamento nelle scuole statali, per poi dedicarsi esclusivamente alla pittura e alla grafica.
Nel 1973 fa parte del gruppo "Come pittura" con la galleria "Inquadrature" di Firenze. Nel 1979 aderisce con Del testa, Fusi e Nigiani al manifesto "Foto di gruppo" presentato da Pier Carlo Santini.
Nel 1981 è stato segnalato "Bolaffi" da Renzo Biasion. Nel 1987 illustra per la "Ray Ban" (uomo donna) uno spazio pubblicitario sui maggiori settimanali italiani.
Nel 2002 pubblica una preziosa cartella litografica “Castel Sant’Angelo” con quarantacinque immagini di Pontassieve per il Credito Cooperativo e per lo stesso Comune. Nel 2007 ha dipinto il “Palio” di Torrita di Siena. Sempre nel 2007 ha illustrato due grandi tavole esposte in permanenza nella sala consiliare del Comune di Pontassieve.
Ha illustrato la copertina di alcune pubblicazioni di tipo letterario. Cosi’ il critico Tommaso Paloscia parla della sua pittura: "... Cantini costruisce una sorta di suggestione in cui confluiscono e si assommano gli effetti della memoria di un luogo e quelli del desiderio di ritrovarlo con le stesse notazioni di purezza, malgrado la sopravvenuta involuzione di una società rassegnata a perderlo, soprattutto impegnata a distruggerlo.
Questa presenza dell'umano rappresenta in chiave contemporanea, si staglia, spesso dipinta come finto collage, sul fondo paesistico verso il quale le linee di proiezione curano con i loro tracciati un gioco di rimandi, di rispondenze prospettiche che nell'ambivalenza direzionale contribuiscono al progetto dell'ambiente altro; che è quello intuito dall'artista e tuttavia destinato a conservare gli stessi protagonisti di sempre, l'uomo e la natura.
La tecnica modernissima, la semplicità della rappresentazione, la limpidezza dell'immagine che se ne ricava sono le caratteristiche, da non sottovalutare, di questa pittura; ed è pittura che piace anche al di fuori dei significati."
Dal 2012 è presente con un'opera nel Piccolomuseo di Fighille.
Ecco alcune sue opere:


Clicca qui per visualizzare le opere presenti nel piccolomuseo di Fighille