Bando del Premio 2017

mercoledì 18 marzo 2015

Ricordando Giorgio Rinaldini (7/7)

Breve riassunto biografico 

Giorgio Rinaldini nasce a Rimini dove svolge la sua attività artistica. 
Partito da un elegante figurativismo, è approdato in seguito ad una forma espressiva nuova e personale. Ha svolto per decenni una intensa attività artistica che lo ha portato a rivestire un ruolo importante  nella pittura contemporanea anche grazie alla partecipazione ai piu’ importanti concorsi di pittura italiani ove ha riscosso ripetuti successi. 
Fra i piu’ importanti ricordiamo il Premio Agazzi a Mapello, la Biennale di Soliera, la Biennale di Osio di Sotto, il Premio G.B.Cromer di Agna, la Biennale di Civitella della Chiana e nel 2003 il Premio Nazionale FighilleArte. 
Al concorso di Fighille è piu' volte premiato anche negli anni seguenti e molte sue opere sono oggi custodite nelle collezioni private di numerose famiglie locali.

Rinaldini premiato a Fighille nel 2001
Ha esposto nelle maggiori città italiane ed estere. Fra le tappe più importanti del suo ricco itinerario espositivo si possono citare la mostra di Parigi del 1963, la mostra a Milano nel 1972 e le mostre di Rimini sua città natale.
La Pro Loco di Fighille gli ha dedicato nel 2004 una mostra personale presso la Dogana Pontificia con un importante successo di pubblico e critica.

Un momento dall'inaugurazione della mostra presso il Piccolomuseo di Fighille (2004)
Molte sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e musei. Fra questi anche il piccolomuseo di Fighille che lo vide fra i protagonisti della sua fondazione con la donazione di una sua opera. Il museo ospita oggi due opere dell’artista.

Rinaldini durante una manifestazione d'arte a Fighille
La sua attività è recensita in varie riviste e volumi d’arte. Fra le varie pubblicazioni che illustrano la sua intensa attività artistica vogliamo citare il bel volume intitolato "Riflessi di poesia" realizzato nel 2008 da M.Cesarini, M.Masini e F.Ruinetti ed edito da Panozzo Editore. Muore a Rimini nel marzo 2013 all'età di 80 anni.
 
Rinaldini visto dagli amici Giuma e Maneglia